Varie (urla) 2007

Inutile soffermarsi più di tanto sull’avvio del mondiale 2007 in quel di Curitiba; l’apertura del blog è avvenuta “troppo” tempo dopo la prima gara quindi è inutile riportare la cronaca.
Ci limiteremo a ricordare che le BMW 320 hanno dominato entrambe le manche (nella seconda monopolizzando addirittura il podio); quindi i suoi piloti sono in testa al mondiale mentre nel marche la casa bavarese ha posto un “cuscino” di ben 15 punti in classifica tra se e la Seat, la rivale più accreditata.

Come mai tanta differenza? Se qualcuno pensa che le polemiche siano riservate alla F1 è lontanissimo dalla realtà …

Per riequilibrare il livello di prestazioni durante l’inverno la FIA ha consentito di ridurre di 15 kg il peso delle vetture a trazione posteriore; è un gioco che nei campionati turismo si fa tutti gli anni: agire sul peso, anche a campionato in corso, per tentare di mantenere l’equilibrio di prestazioni tra i contendenti.

La mossa ovviamente non è piaciuta a chi dispone di vetture a trazione anteriore (Seat in primis).
Ovviamente dopo la prima gara apriti cielo anche se la differenza di prestazioni emersa persino all’interno è stata ritenuta eccessiva per poter essere giustificata da “soli” 15 kg.

Ora la FIA agisce in senso opposto; mentre è confermato il calo di 15 kg per le BMW, viene concesso, per ora per una sola gara (la prossima in quel di Zandvoort, Olanda), una riduzione di 25 kg alle Seat; in questo modo i primi 3 piloti della classifica dovranno “regalare” ai rivali circa 40 kg nel prossimo weekend di gara (25 “da regolamento” + 15 di handicap peso dovuto ai piazzamenti del precedente GP).

Ho il presentimento che in caso di vittoria delle Seat Leon si sentiranno nuove urla; provenienti da una differente campana, ma sempre urla …

Annunci

2 pensieri su “Varie (urla) 2007

  1. sembra che le polemiche siano un po’ il sale dei campionati…anche in SBK hanno una patata bollente non da poco: la Ducati ha chiesto che vengano ammesse le bicilindriche 1200 contro le 4 cilindri 1000, questo pur non avendo una 1200 in produzione…
    Una forzatura dei regolamenti potrebbe provocare una diaspora di costruttori giapponesi pari a quella che nel 2003 ha lasciato la Ducati da sola nel mondiale, che ha rischiato di morire…

    Rispondi
  2. Ebbene sì; si piange un po’ e magari l’autorità ti ascolta.
    Sicuramente oggi la Ducati è svantaggiata dall’avere solo un bicilindrico, ma piuttosto che far morire il campionato …
    Spero che la federazione non faccia come la FIA che ha sacrificato il resto del mondo motori sull’altare della F1 …

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...