“Scrambled eggs”- cronache alonsiane

Perché cronache alonsiane e non spagnole? Semplice! Perché una piva come quella dell’asturiano a fine gara vale da sola 10 menti naturali di Michael Schumacher ritratti da un pittore surrealista.

Non si sa se la strategia della gomma dura a metà gara sia stata in realtà inventata dalla moglie di Dennis o il frutto di chissà quale pensiero strategico. Sta di fatto che l’uomo nero, come si ostinano a chiamarlo tutti nonostante sia decisamente di un bel colorito marrone, ha dato di nuovo a tutti una lezioncina, ivi compreso l’asturiano che ora sta dietro anche in campionato. Ma veniamo alle cose serie. Dal pomeriggio di ieri ho un pensiero ricorrente che mi intasa la mente. Ma se queste macchine si guidano da sole perché Raikkonen insiste a volerla guidare lui? “L’inquietanza” è ancora più marcata al pensiero che il ragazzo sul libro paga gode di trattamento di favore, contrariamente al giovanotto brasiliano che continua a macinare pole, gpv e vittorie in sequenza. Sta di fatto che ha anche iniziato a partire bene e a compiere gesti che per il suo predecessore sarebbero stati oggetto di epici poemi di impavidi eroi. Si mormora che si sia già scatenata un’agguerrita schiera di amanti del marmo bianco con tanto di mazzetta e scalpello, pronti per l’opera prima. Del suo compagno invece si dice che abbia bisogno di capire la macchina e le gomme. Assumiamo un filosofo che glielo spieghi allora e che inizi a fare il mestiere che gli compete di più al più presto.

Persino Mazzoni è interessato a comprendere i motivi della crisi di KR. Glielo spiega bene Lauda, che dopo aver parlato di Hamilton, dichiara: “lui non conosce bene macchina, squadra e gomme. Così il suo compagno va più forte. Vediamo in due tre gare”. Ma Mazzoni probabilmente pensava ai cazzi suoi, visto che appena finisce gli chiede: “ma secondo te qual è il problema di Raikkonen?”. Lauda che, nonostante tutto è un signore, si limita a rispondere: “l’ho appena detto…..” In compenso Giovannelli da sfogo a tutta la sua dialettica. Pur essendo un verbo noto, vorrei sapere chi diavolo usa nel linguaggio ricorrente il verbo “acclarare”. Poteva mancare poi il rito mazzoniano del “mai in F1”? Certamente no. Stavolta l’oggetto della citazione sono le quattro pole consecutive. E poi chi oramai non sa che Massa ha i nonni di Cerignola? Vogliamo poi mettere in cronaca anche il bagno con le balene che, grazie al suo pensionamento, si è potuto permettere Michael Schumacher?

Infine non possiamo non notare la fobia che colpisce il nostro da qualche anno a questa parte. Perché i giapponesi sono tutti piccoli piloti, o piccoli kamikaze, o fanno delle squadre piccole? E perché anche Massa è diventato un piccolo brasiliano?

E’ con questo dilemma che tutti si recheranno nel piccolo principato, in una piccola pista, con dei piccoli box, vicino ad un piccolo porto per fare il prossimo piccolo gran premio.

Advertisements

2 pensieri su ““Scrambled eggs”- cronache alonsiane

  1. ROTFL!
    Mazzoni per fare il suo “mai in F.1” ha dovuto cercare la statistica nella statistica…cioè: la sequenza di pole per team, realizzata all’inizio della stagione. E’ ovvio che nessuno si sia mai posto la questione, visto che la rilevanza è assai limitata e probabilmente la verità la conosce solo lui dopo notti insonni di ricerche.
    Vabbè, immagino che sia l’ultimo stadio, dopodichè Mazzoni studierà le gesta di Dahmer e Cikatilo, si darà agli omicidi seriali e farà statistiche pure su quello…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...