GP USA 2007, la cronaca essenziale

Nelle qualifiche del GP degli USA la lotta è ancora fra le due McLaren di Alonso ed Hamilton (1’12″331) il quale non solo strappa all’asturiano la pole, non lasciandogliela godere per nemmeno 10 secondi, ma si migliora ulteriormente nell’ultimo giro, aggiungendo la beffa al danno. 169/1000 il distacco tra i due. Le Ferrari sono terze e quarte con Massa (1’12″703) e Räikkönen (1’12″839); il finlandese è solo 8 millesimi avanti alla BMW-Sauber di Heidfeld. Kovalainen 6º con la Renault, davanti all’esordiente 19enne Sebastian Vettel (1’13″513), con la BMW “prestata” da Kubica.
Trulli fa l’ennesimo miracolo in prova, portando all’8° posto la sua Toyota (1’13″789), e precede di 82 millesimi la Red Bull di Webber. 10° Fisichella con l’altra Renault (col tempo di 1’13″953).
Fuori in Q2 l’altra Red Bull di Coulthard, la Toyota di Ralf Schumacher (fra voci che lo danno prossimo al licenziamento). Fuori anche le Honda, Rosberg su Williams e Davidson con la Super Aguri. Eliminati invece in Q1 l’altra Williams di Wurz e l’altra Super Aguri di Sato (questi ultimi entrambi a punti in Canada, con Wurz addirittura terzo!), poi le Toro Rosso e le Spyker.

La gara comincia col tentativo di attacco di Alonso ad Hamilton, rintuzzato prontamente da parte dell’inglese. Massa parte bene ed è terzo. Vettel paga l’inesperienza ed è costretto al taglio della prima curva per evitare di tamponare gli altri. Räikkönen, con gomme dure al posto delle morbide, perde due posizioni allo start ed è sesto. Ralf Schumacher blocca le ruote ed ha un contatto con Barrichello e Coulthard: ritiro per tutti e tre. Fisichella fa un’uscita di pista dopo aver toccato l’erba, e finisce in ultima posizione.
Hamilton prova a fare il vuoto, prendendo decimi su decimi ad Alonso col passare dei giri.
Fisichella inizia la rimonta: il romano passa l’ex compagno di squadra Button alla fine del rettilineo, poi passa anche Speed. Sato passa Sutil, poi esce in testacoda alla quarta curva e si ritira. Sarebbe stato pure penalizzato per aver fatto un sorpasso con bandiere gialle: ma fare “harakiri”, per Sato-san, non basta: il giapponese verrà arretrato di 10 posti in griglia al prossimo GP, come penalità. Strana regola.
I tempi si abbassano per tutti: al 18º giro tutti i primi 6 fanno il loro miglior giro. E’ il preludio alle soste ai box.
I commissari “geniali” visti in Canada si sono trasferiti: un commissario perde la bandiera blu sul rettilineo. La raccoglierà poi Jarno Trulli. Heidfeld ha un testacoda in frenata al 20º giro, mentre Hamilton, Massa ed Heidfeld fanno il pit stop al giro seguente. Alonso ha la sua sosta ai box al 22º giro.
Vediamo un bel sorpasso di Kimi su Heidfeld al 27º giro. Fisico passa Liuzzi al 29º passaggio.
Dopo la prima sosta ai box, Alonso ha accorciato il gap che lo separa da Hamilton. Solo un secondo e due decimi, al 30º passaggio. Il gap si accorcia giro dopo giro: quattro tornate dopo, solo 6 decimi separano il campione del mondo da Hamilton. L’inglese resiste autorevolmente ad un tentativo di sorpasso. Parlando di compagni di scuderia, il gap fra Massa e Räikkönen si riduce, a vantaggio del finlandese.
Il nervosismo di Alonso comincia ancora a trasparire: piccola escursione per lo spagnolo al 47º giro. Tre giri dopo il pilota McLaren effettua la sua sosta. Il giro successivo anche Hamilton fa il suo pit stop, e l’inglese rientra nettamente di fronte al campione del mondo. Räikkönen effettua il pit stop prima di Massa, ma anche qui nessuna sorpresa, col brasiliano avanti. Ma Kimi ha le gomme morbide, mentre i primi tre hanno le dure.
A diciotto giri dalla fine Heidfeld accusa problemi al cambio, e si ritira. Era quinto.
A parte un’errore di Wurz al 59º giro, i tentativi (infruttuosi) di sorpasso di Webber ai danni di Trulli, l’ennesimo sorpasso subìto dalla Honda da parte della Super Aguri (Davidson su Button), la rottura del motore di Rosberg che porta Vettel nei punti, e il ritiro di Liuzzi, negli ultimi giri non succede assolutamente nulla.
L’ordine d’arrivo: Hamilton davanti ad Alonso (terza doppietta McLaren stagionale!), e terzo Massa davanti a Räikkönen (suo il giro più veloce), quinto Kovalainen davanti a Trulli, poi Webber e Vettel a chiudere i punti.

Nel mondiale piloti ora Hamilton ha ben 10 punti di vantaggio su Alonso (58 a 48), con Massa a 19 punti dall’inglese; Kimi Räikkönen ha 32 punti, 26 di distacco da Hamilton (giusto giusto i punti di Heidfeld).
Fra i costruttori la McLaren dilaga, ed ora ha 35 punti di vantaggio sulla Ferrari: 106 a 71; terza la BMW-Sauber con 39 punti, la Renault è quarta a 25.
Altri fatti di questo weekend di gara:

  • Raro esempio di autolesionismo nipponico: la Honda vorrebbe confermare entrambi i piloti (Barrichello e Button) per “scusarsi” della mancata competitività della vettura: qualcuno nel team ha capito che i piloti devono “metterci del loro”, sviluppando la vettura? Perché poi puntare su due “senatori”, e non scommettere su un giovane, a questo punto? Ce ne sono tanti, e costano pure meno!
  • Nuove frontiere per la F.1: dal 2009 si prevede di effettuare un G.P. anche in India, forse proprio ai danni di Indianapolis: sicuramente, con un miliardo e cento milioni di persone, se ne troveranno 200 mila per riempire le tribune nei giorni della gara!
  • Giovannelli comincia a farsi conoscere anche dal papà di Hamilton: gli si è rivolto chiamandolo “Anthony Davidson”, al che l’anglocaraibico ha replicato: “Anthony Davidson è in griglia di partenza, a proposito: io sono Anthony Hamilton”, guardandolo perplesso. No comment!
Annunci

15 pensieri su “GP USA 2007, la cronaca essenziale

  1. Evidentemente era la giornata dei “nomi” azzeccati …
    Subito dopo la conclusione del GP Biagio Maglienti di Sky intervista Ron Dennis.
    “Allora Mr. Dennis, dopo questa gara è chiaro che è Fernando Alonso il vero leader?”
    “Scusi?”
    “Sì, Mr. Dennis; ancora una doppietta, ma a questo punto è Fernando Alonso il vero leader.”
    “Mi scusi, ma non capisco la domanda (con faccia divenuta) incazzata nonostante la terza doppietta consecutiva.”
    “Dicevo … E’ Fernando … (e in quel momento il 2° neurone cerebrale entra in funzione improvvisamente) … Dicevo adesso è Lewis Hamilton il vero leader” 😀

    Segue risposta di rito di Ron Dennis, ma ancora con faccia incazzata …
    😆 😆

    Rispondi
  2. Vero vero; ma quella era una nota mia, non dell’autore della mirabile intervista.
    Errore mio, ma che non sposta il lato comico della vicenda. 🙂

    Rispondi
  3. Cmq ieri su sportsera, nel servizio di presentazione al gp di Francia, il prode Mazzonictus ha affermato che la Mclaren arriva da tre doppiette consecutive… secondo me Mazzoni legge il blog ed è rimasto ingannato dal lapsus di MaxBass 😀

    Rispondi
  4. Il problema è che ieri sera il Mazzonictus si è ripetuto, citando ancora una volta, e in un servizio diverso, le “tre doppiette consecutive della Mclaren”…. ormai lo ha (erroneamente) aggiunto alla lista dei suoi cavalli di battaglia, e ci scommetterei i cosiddetti che anche domenica in gara non si farà mancare un riferimento alla “Mclaren in cerca della quarta doppietta consecutiva”!

    Rispondi
  5. Cmq, per chi non l’aveva notato, Mazzonictus è riuscito a nominare le fantomatiche 3 doppiette consecutive dela Mclaren anche domenica scorsa…. stavo preoccupandomi, perchè il gp era ormai agli sgoccioli, ma a un paio di giri dalla fine, commentando la doppietta ferrarista, il prode Mazzoni si è lasciato sfuggire che andava a “controbattere le 3 doppiette consecutive della Mclaren” 😀

    Rispondi
  6. mamma mia che testa di cavolo HAMILTON daiiii! non si può dire che la colpa è della “pista” per via del semaforo.. cioè potrebbe anche essere ma.. comunque si vedeva il semaforo e poi.. stava andando nella corsia di kubica e si è spostato verso kimi.. dai questo l’ha fatto apposta però!!

    comunque forza kimi x sempre
    e forza jorge lorenzo.. un beso! ^^

    ciao ciao hamilton buco di cu… per sempre (come pedrosa!) ahah xD

    Rispondi
  7. caro mario theissen per il 2010 vorrei come piloti bmw sauber christian klien apposto di nick heidfeld e robert kubica però mario e tutta la sua squadra a christian klien fatelo arrivare sul podio almeno terzo arriva vi prego fatemi questo favero vi prego un’altra cosa in più che christian klien rimane alla bmw sauber fino al 2017 vi prego fatemi questo favore.

    Rispondi
  8. caro ronn dennis per il 2011 come piloti mclaren-mercedes vorrei gary paffett e lewis halmiton vi prego fatemi questo favore a gary paffet fatelo arrivare sul podio arriva secondo almeno vi prego fatemi questo favore però solo una cosa che kovalainen rimane alla mcllaren fino al 2010 ciaò.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...