Giornata nera per il primo pilota nero

E’ bastato chiamare un curva col nome di Schumacher e bum! In un attimo il fantasma dei cavalieri del rischio si dipana in tutto il suo terrore. Seguo su sky gli eventi, si parla di bella botta, si fa notare che muove le gambe e che esce dall’abitacolo. Pericolo scampato. Ma è alla rai che la vicenda assume i contorni di una messa funebre con Mazzoni che inizia a celebrare il lutto con un: “Peccato. Era un pilota che si era messo in luce finora”. Giovannelli chiede la linea e propone lo sguardo agitato di ha assistito ad una tradegia di proporzioni bibliche. Nel dopoprove satellitare Mazzoni compare dietro a Leopizzi come un invasato chiamando un cameramen, ma il morto non si vede perchè cammina spedito dentro al motohome della squadra. Emilio Fede durante il primo attacco americano in Iraq sembrava a confronto un bambino con un giocattolo. Un’altra giornata di paura, di panico, in questo fantastico mondo pericolosissimo a cui in pochi possono accedere e commentare gli eventi. E i nostri eroi erano lì come sempre, capaci e attenti a darci tutte le informazioni con l’enfasi che contraddistingue i veri reporter di assalto.

Intanto in quei tre minuti mi è ventuto un devastante prurito intimo.

http://www.derapate.it/articolo/on-line-la-petizione-licenziamo-mazzoni/713/

_gianfranco-mazzoni-rai-tvf1.jpg

Annunci

4 pensieri su “Giornata nera per il primo pilota nero

  1. Ho avuto pure io la stessa fastidiosissima impressione. “Il pilota che aveva fatto tanto bene” e cose di questo tipo… insomma, aspettare un po’ prima di darlo per morto pareva brutto…

    Rispondi
  2. peccato che tutto sia invece andato bene per il pilota più antipatico di sempre, che comunque si è preso del bastardo in diretta tv da Massa…

    Rispondi
  3. E che dire delle interviste a Kubica, per ben due volte, tra sabato e domenica (dal duo Giovennelli-Bruno), infastidito dalla coglionesca domanda “l’incidente di Hamilton ti ha ricordato qualcosa?”… la sua faccia, soprattutto domenica, era tutto un programma, gli si leggeva in volto la risposta “ma vai a cagare”, risposta che ovviamente nella sua posizione di chierichetto non avrebbe mai potuto dare….

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...