MotoGP a Misano

Il primo pensiero è sicuramente “Campionato finito”. Il secondo potrebbe essere “Si…in effetti è proprio finito”.

Sulla gara non c’è molto da dire. A parte la carambola tra de Puniet e Pedrosa alla partenza  e la rottura del motore di Rossi, la gara ha offerto poco altro al pubblico.

Credo, onestamente, che il mondiale fosse in realtà finito già all’inizio dell’estate, ma il distacco più contenuto lasciava aperto qualche spiraglio, nonostante l’evidente inferiorità non solo delle Michelin, ma anche della Yamaha.  L’inferiorità della Yamaha, poco evidente all’inizio della stagione, è andata crescendo man mano che le altre case apportavano modifiche e/o sviluppi ai loro mezzi, ad esempio il miglioramento di prestazioni della Honda nella gara di Brno oppure la buona competitività di Kawasaki e Suzuki soprattutto.

La somma di questi 2 fattori ha compromesso in maniera irrimediabile il campionato di Rossi e della Yamaha, costretti prima ad un tentativo di recupero miracoloso, ora alla rinuncia (quasi) definitiva al titolo, sia piloti che costruttori.

A questo punto, per Stoner, la vittoria del titolo (come per la Ducati) è solo una formalità. Resta da vedere come gli avversari reagiranno. Se cercheranno di sviluppare ulteriormente le moto per quest’anno e salvare il salvabile, cercando di aggiudicarsi qualche altra gara oppure se decideranno di puntare direttamente sulla prossima stagione, cominciando a sviluppare le nuove moto.

Advertisements

4 pensieri su “MotoGP a Misano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...