Insalata belga

Si è ampiamente parlato di danni all’immagine, di sputtanamenti a gogò, di presunti perdenti o capri espiatori. Propongo un punto di vista del tutto particolare, cercando di capire chi o cosa in tutta questa vicenda ci ricava effettivamente qualcosa.

Capitolo 1°: Mercedes Benz

La casa tedesca esce candida come la neve pur essendo proprietaria delle più grossa quota societaria. Non si è esposta allo scandalo lasciando che Ron Dennis (che per uno strano scherzo del destino MS Word italiano continua a correggere in automatico in Tennis) facesse da parafulmine. Spunterà con ogni probabilità le rimanenti quote a prezzo stracciato, o almeno scontato di 100.000.000 di dollari. Le quote di Dennis e dell’arabo, allo stato attuale delle cose, valgono tanto i bond argentini….

Capitolo2°: main sponsor

Vodafone collabora fornendo log e quanto in suo possesso alla Federazione. Atteggiamento giustamente pilatesco che le gioverà un corposo sconto sui 120.000.000 di $ da versare per le successive quattro stagioni al team inglese, mantenendo ovviamente la stessa visibilità sulla vettura. Pena causa legale per danno di immagine.

Capitolo 3°: piloti

Alonso passa per eroe (un tempo si chiamavano pentiti) e accede al programma di protezione della FIA che vigila su eventuali ritorsioni. Tiene l’intera McLaren per le palle e attende gli eventi. Intanto passa per quello che senza di lui non sarebbe successo niente e strizza occhietto a Ferrari.

Hamilton tutelato come minore, incapace di intendere e di volere, cede il mondiale al compagno di squadra in cambio di evitato sputtanamento e del mantenimento del titolo di fenomeno. Il che significa in parole povere: “hai dimostrato abbastanza. Ora stai zitto, non rompere i coglioni ed il prossimo anno se fai il bravo te la giochi”.

Capitolo 4°: Briatore e tutti i filistei

Fraternizza con Montezemolo, difende Alonso e si mette in pianta stabile sulla corda a fare l’equilibrista. Si porterà a casa, a fine stagione, Alonso per il 4° titolo in attesa di girarlo alla Ferrari per il 2009. In Cambio effusioni di Mosley e promesse di intenti futuri con il team modenese…..

Capitolo 5°: federazione & affini

Bernie ha ben poco da perdere e si fregia dell’ennesimo titolo di salvatore della patria. Max fa la vittima, succube delle altrui decisioni che salvano capra (Dennis) e cavoli ($). In cambio si candida come paladino di una giustizia sportiva che manco babbo natale conoscerà mai.

Capitolo 6°: Ferrari

Danneggiata dai propri traditori e dagli approfittatori salva una stagione dall’onta post Schumacheriana e si porta a casa il titolo costruttori che da solo vale (in dollari) quasi la multa inflitta alla scuderia inglese. Tiene la federazione per le palle perché delle 1.500 pagine di dossier ne vengono rese pubbliche solo 15 e in pochi sanno cosa diavolo c’è scritto nelle rimanenti 1.475…

Intanto nell’unica pista da pelo sullo stomaco rimasta la rossa sfoggia il meglio di sè e calpesta quella pallida impennata d’orgoglio del team grigio nero vincendo il titolo costruttori. Molti lo riterranno immeritato per la mancanza di affidabilità. Altri, tra cui il sottoscritto, constaterà che allo stato attuale delle cose vi sono 71 punti di vantaggio sul secondo classificato e che è meglio rompere la macchina che farsi beccare con le mani nella marmellata.

Advertisements

3 pensieri su “Insalata belga

  1. I “traditori” all’interno della Ferrari alla fine non l’hanno danneggiata ma gli hanno fatto un favore, quello di vincere il titolo costruttori che altrimenti probabilmente non avrebbero vinto mentre, al contrario, i “traditori” all interno della Mclaren l’hanno danneggiata e pesantemente. Tra i traditori che invece sono usciti indenni (e IMHO non è “giusto”) c’è Alonso.
    Non è bello che uno che non si è fatto scrupoli di sbirciare in quaderni altrui rischi di diventare Campione del Mondo.

    Rispondi
  2. Quotando l’ultima, mi chiedo come mai tutti diano per scontato il passaggio di FA in Renault.

    Se è vero quello che sono andati dicendo per 3 gg di fila su Sky, ovvero il fatto che la BMW avesse già i documenti firmati da FA e che il giorno in cui RD doveva firmare a sua volta la liberatoria, vuol dire che FA era già in orbita BMW.
    Possibile che sia uscito automaticamente dall’orbita per il fatto che in BMW hanno già “confermato” i 2 fenomali ….. piloti attuali? Può essere tutto però …

    Sul fatto che i “traditori” e “approfittatori” abbiano fatto un favore alla Ferrari invece avrei qualcosina da ridire.
    All’inizio del mondiale eravamo tutti qui a stracciarci le vesti perchè in virtù dei contratti pre-esistenti e della conoscenza delle gomme in Ferrari avrebbero avuto un vantaggio enorme almeno per la prima parte del mondiale su tutta la concorrenza.

    Ora si scopre che con buona probabilità la disponibilità dei dati Ferrari ha consentito alla McLaren di annullare in un colpo solo lo svantaggio e qualcuno ha il coraggio di dire che in Ferrari ci hanno guadagnato?!?!?!?
    Orsù …

    Rispondi
  3. Io, al momento, se fossi Alonso non sarei ansioso di andare _subito_ in BMW. Nel momento in cui BMW cominciasse a giocarsi la vittoria sarebbe il caso di pensarci. Adesso come adesso è un po’ una scommessa, anche se non la più rischiosa di tutte (sarebbe molto peggio andare in Toyota o in Honda…)

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...