Quando la puzza della spy-story diventa insopportabile…

Non è mai il momento giusto per fare il punto della situazione sulla spy-story, perchè il copione cambia di continuo come in una soap e di certo la mezzanotte tra il sabato e la domenica pre-GP non è certamente il frangente migliore, ma ora ho tempo e tant’è.
Per darvi un’idea di come evolve velocemente la sceneggiata: solo oggi ho potuto leggere Sportautomoto, beh, loro martedì ipotizzavano che lo spione presso la FIA fosse Briatore…dura essere un giornale stampato di questi tempi!

La sentenza di Parigi dell’altro ieri, ha aperto un vaso di Pandora da cui sta uscendo il peggio del peggio che questo mondo abbia visto, qualcosa si subodorava, ma ora veramente stanno tutti a brache calate davanti al pubblico che tira i pomodori.

La prima ventata di cattivo odore si è presentata quando la FIA ha reso pubbliche le conversazioni via mail tra Alonso e De la Rosa, i quali si facevano beatamente i cazzi loro alle spalle della Ferrari, sfruttando la talpa Stepney. Potevano ottenere tutto ciò che chiedevano, eccome se lo chiedevano! Ripartizione dei pesi, strategie, gas speciale con cui si gonfiavano le Bridgestone… Tutto di tutto, tanto paga Montezemolo!
Piccola parentesi: il fatto che la FIA avesse rivolto loro un appello in cui chiedeva ai piloti collaborazione in cambio di immunità, già faceva presagire l’esito della sentenza, che avrebbe colpito solo il team e salvato il campionato del mondo piloti (= audience TV). Dà fastidio però il fatto che questi due mascalzoni beccati a frodare bellamente un avversario la passino liscia, ma tant’è, sono immuni come Nina Mayers nella serie “24” e come Nina c’è da stare certi che torneranno peggiori di prima…

La seconda ventata di odore di sterco è arrivata da compare Ron Dennis, che ha ammesso pubblicamente di essere stato lo spione che ha detto alla FIA delle e-mail di Alonso e de la Rosa, formalmente per collaborare con la giustizia sportiva, informalmente per non essere ricattato da Fernando circa la sua risoluzione del contratto. Cose da pazzi, questi piuttosto che farsi segare un braccio se lo segano da soli, magari risparmiano qualche centimetro, hai visto mai?

In questo clima da letamaio gigante ci si mettono ancora Mosley e Dennis, poche ore fa, a soffiare sul fuoco: prima Mosley mette in dubbio l’integrità di Dennis riguardo alla questione delle email. Pare che i due si siano sentiti e che Dennis avesse giurato a Mosley che Alonso minacciava di fornire delle informazioni alla FIA, ma che Ron contestualmente avesse dichiarato che non c’era nessuna informazione da dare, altrimenti l’avrebbe fornita lui stesso, la minaccia era quindi vana…hai capito il doppiogiochista?
E vai con un altro valzer di smentite, comunicati stampa, ritrattazioni parziali, chiarificazioni, che nemmeno i politici italiani saprebbero mettere in scena.

Il tutto si risolve, ovviamente, da gentiluomini, con strette di mano e comunicato stampa congiunto in cui i due si leccano a vicenda, non si dice dove, e con l’appuntamento per la prossima settimana, quando la FIA renderà noto un altro pezzo del copione, ovvero l’ennesima trascrizione di una telefonata tra Mosley e Dennis.

Sì lo so, me lo sono detto anch’io e sono d’accordo con voi: CHE PALLE!

Annunci

Un pensiero su “Quando la puzza della spy-story diventa insopportabile…

  1. In effetti dovrebbero capire quando un polpettone è andato in onda anche troppo, e quindi è forse ora di smetterla e cambiare argomento… :-)))

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...