Hamilton scivola su una buccia di banana (cinese)

hamilton-out.jpgChe grande momento. Un colpo di scena fantastico e inatteso.

Alfred Hitchcock, genio e maestro del trilling e dell’imprevisto, non sarebbe riuscito a immaginare un epilogo identico.
La Federazione nei giorni scorsi aveva provato a rendere un po’ più affascinante questo finale di campionato. Ma in modo sempre maldestro. Lanciando inchieste e poi ritirando la mano.
Allora ci hanno pensato gli dei cinesi della famiglia Ferrari (qui è sempre una nobile), mandando i propri spiriti a colpire il nemico, pardon, l’avversario facendolo cadere sulla classica buccia di banana.

Non poteva scegliere modo più umiliante, Lewis Hamilton, per la prima stecca di questa sua strepitosa stagione di esordio in F1: entrata ai box, l’adrenalina a mille, come la velocità con la quale l’anglocaraibico affronta la gincane senza pensare che ormai la sua vettura risponde in modo casuale ai comandi del volante. Così si trova in quel fazzoletto di ghiaia messo lì apposta in attesa che il pollo di turno ci finisca dentro.
Comico! Hamilton impantanato, che si affanna, con le ruote posteriori che girano a vuoto e la sua McLaren mestamente immobile. Nemmeno gli assistenti di pista riescono, a spinta, a tirarlo fuori: magari pensava di replicare quanto successo in Germania.

Lo so dimostro una pessima sportività; ma in quel momento ho goduto, provando un sottile brivido di intensa libidine.
Lewis Hamilton molto probabilmente vincerà tra 2 settimane in Brasile. Ma per il momento anche il giovane inglese ha provato la cocente delusione del ritiro. E il mondiale di Formula 1 resta per 14 giorni ancora argomento di discussione.

Annunci

3 pensieri su “Hamilton scivola su una buccia di banana (cinese)

  1. Pingback: ...time is what you make of it...

  2. C’era (allora) una falla nel regolamento (fosse la sola 🙂 ); poi sanata.
    In pratica il disposto vuole che “in caso di situazione critica” i commissari di pista e il pilota debbono provvedere, se possibile, a rimuovere l’ostacolo.
    In quel caso il buon Hamilton restò in auto e si fece rimettere in pista, azzerando la situazione di empasse.
    A seguito di quell’evento si dichiarò che il pilota impantanato o fermo deve immediatamente lasciare la vettura, prima che intervengano i mezzi di soccorso, pena la squalifica.
    Se ci hai fatto caso, Hamilton ha sperato che gli addetti riuscissero a spingerlo ‘a mano’ (cosa che dovrebbe essere ancora lecita). Nel momento che si è reso necessario l’intervento della gru, l’anglocaraibico è stato invitato a scendere dalla vettura.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...