Qualcuno veglierà su Fernando…

Sembra assurdo, ma pare che al GP del Brasile ci sarà un commissario FIA incaricato di vigilare sulla parità di trattamento tra Alonso ed Hamilton in seno al team McLaren.

Il lamentismo di Fernando alla fine ha prodotto i suoi risultati.

Chissà cosa diranno a proposito gli ex compagni di squadra di Schumacher…

Advertisements

35 pensieri su “Qualcuno veglierà su Fernando…

  1. Gli ex-compagni di MS era meglio che si preoccupassero di non firmare un contratto da zerbini.
    Per quanto riguarda il rispetto del medesimo non serviva certo un commissario: si capiva perfettamente che era tutto rispettato osservando semplicemente i we di gara! 😆 😆 😆

    Rispondi
  2. Beh, i compagni di Schumacher sapevano benissimo cosa li aspettava da subito. Alonso forse pensava di trovarsi più a suo agio nel team, e di certo non si aspettava che la squadra si schierasse così apertamente dalla parte del neo-campioncino. Poi è chiaro che se Hamilton si fosse dimostrato meno “forte” e non fosse stato in lizza per il titolo, la McLaren avrebbe sostenuto, e fatto sostenere da Hamilton, le possibilità di Alonso per vincere, ma avendo per le mani la possibilità (anche mediatica) di avere un fuoriclasse inglese, giovane, politically correct e simpatico alla stampa locale e non solo, ovvio che la lotta sia impari…

    Rispondi
  3. Penso che la squadra, oggi, è così schierata con Hamilton perchè è Alonso che si è messo “fuori squadra”, da solo. Non penso che la Mclaren avrebbe strappato Alonso alla Renault solo per fargli la guerra contro. Alonso fin dall’inizio del campionato, da perfetta primadonna, si è lamentato (con la stampa spagnola) del fatto di non essere considerato N1, quando in Mclaren, sia per contratto, sia storicamente, i piloti sono sullo stesso piano. Se per Alonso era così importante essere N1 indiscusso poteva rimanere dov’era. In più nella spystory FA ha innescato il processo che ha portato la Mclaren dalla sostanziale assoluzione di luglio alla condanna di settembre. Non contento, Alonso ha continuato a tacciare di bugiardo Ron Dennis, e quindi mi pare ovvio che ora la squadra, pur dando pari chances ad ambedue, “parteggi” per Hamilton.

    Rispondi
  4. Però tutta sta storia io la trovo un pò ridicola. La Ferrari (giustamente a mio parere) dopo Monza ha scaricato Massa puntando le residue possibilità di vincere il mondiale su Raikkonen. Alla Mclaren invece non sarebbe concesso puntare su Hamilton, anche a costo di vedersi sfuggire il titolo piloti. Capisco che Alonso sia il bicampione del mondo, ma francamente io tutti sti favoritismi per LH non li ho visti… almeno fino a un paio di gare fa i due sono stati messi nelle stesse condizioni. E anche in seguito i favoritismi sono stati insinuazioni di Alonso, che non ritengo sia la persona più credibile in questo momento. Ma se anche Hamilton è stato davvero favorito, sarebbe una cosa così scandalosa, visto che era davanti e c’è il rischio concreto di poter perdere il mondiale piloti? Qualcuno si è scandalizzato leggendo che RD in Cina faceva la corsa su Alonso anzichè su Raikkonen… ma scusate, ma che scandalo è? E’ uno scandalo che il team Mclaren avesse deciso di chiudere matematicamente i giochi (cazzata sulle gomme a parte) in Cina evitando di far rientrare nella corsa mondiale Raikkonen? Se poi Alonso si è rotto in bocca con Ron Dennis credo siano solo affari loro….

    Rispondi
  5. Dipende anche quali impegni si era presa la squadra, per far firmare Alonso con un anno di anticipo… ricordiamoci che anche la Williams “storicamente” ha piloti a pari livello, poi un paio di anni fa si è venuto a sapere dallo stesso interessato che Mansell aveva un contratto da primissima guida per tornare in Williams nel 1991…
    Sulla questione della spy-story: se la squadra ha agito in modo “illegale”, rischiando di danneggiare anche il pilota, che poteva pure vedersi sospesa la licenza se non collaborava, non vedo come possa essere considerato colpevole di tradimento Alonso, se ha cercato semplicemente di cavarci fuori le penne. Di Stepney c’è chi dice che _doveva_ fare la spia perché sapeva esserci irregolarità…
    Tra parentesi, la McLaren non è passata da innocenza a colpevolezza, ma da colpevolezza non punita a colpevolezza punita. Diciamo che a Hamilton è andata bene che non volevano alterare il mondiale piloti e hanno creduto alla panzana che lui non sa niente di niente, nessuno gli spiega cosa succede e via dicendo…

    Rispondi
  6. Paolino, ti vedo un po’ contraddittorio. Prima ti lamenti che la McLaren non abbia potuto chiudere il mondiale, ma poi non ti ricordi che Hamilton avrebbe chiuso il mondiale (nel senso che sarebbe andato a lui o ad Alonso) con un quinto posto in Cina… fare la corsa su Alonso è stata una idiozia madornale da parte del team (da parte di Hamilton un po’ meno, ma qui si parla del team)

    Rispondi
  7. “Dipende anche quali impegni si era presa la squadra, per far firmare Alonso con un anno di anticipo… ”

    I rumours all’epoca davano la Renault in uscita dalla F1…
    La Mclaren ha sempre propugnato l’equality tra Alonso e Hamilton (vedi ASn4).

    “ricordiamoci che anche la Williams “storicamente” ha piloti a pari livello”

    “storicamente” Williams era un convinto e dichiarato fautore dei N1 (Jones) e N2, (Regazzoni, Reutemannecc)

    “non vedo come possa essere considerato colpevole di tradimento Alonso”

    semplicemente perchè all’insaputa del team (leggi Dennis) lui e DLR non avevano problemi a sguazzare nei dati di Stepney attraverso Coughlan. Non solo, ma poi ha anche usato questo fatto per ricattare Dennis per avere privilegi in squadra… Il comportamento di Alonso e DLR è stato il “fatto nuovo” che ha portato la Mclaren dalla sostanziale assoluzione di luglio, alla colpevolezza di settembre. La Mclaren (Dennis) “ringrazia”….

    Per quanto riguarda Alonso, non è nuovo ad accusare la squadra di sabotaggio, fece qualcosa di simile anche lo scorso anno nei confronti della Renault, lo spagnolo è una “conferma”

    Rispondi
  8. “La Mclaren ha sempre propugnato l’equality tra Alonso e Hamilton (vedi ASn4).”

    Come all’epoca di Schumacher, vedo che tutti siamo a conoscenza dei dettagli contrattuali dei piloti…

    ““storicamente” Williams era un convinto e dichiarato fautore dei N1 (Jones) e N2, (Regazzoni, Reutemannecc) ”

    Il 1986 viene dopo il 1980 ed il 1981…

    “semplicemente perchè all’insaputa del team (leggi Dennis) lui e DLR non avevano problemi a sguazzare nei dati di Stepney attraverso Coughlan.”

    Ecco, già questo “all’insaputa del team” fa un po’ ridere. Qui il team non sapeva nulla, ma praticamente tutti i suoi membri, singolarmente o in gruppetti, sapevano o usavano quei dati. L’unico che ha avuto pure la faccia tosta di sostenere di non saperne nulla è stato Hamilton, come se fosse una cosa credibile…

    Ripetiamo ancora una volta che a luglio non c’era stata una “sostanziale assoluzione”, ma una “colpevolezza non punita”, che è ben diverso.

    Rispondi
  9. Ripeto, la Mclaren sta da mesi sbandierando l’equality tra i piloti, ti pare che Alonso non avrebbe sputtanato in pubblico e in tribunale la Mclaren se non fosse così anche nel suo contratto? Alonso si lamenta del suo status da bicampione del mondo, che lui ha portato 6 decimi (lui?), ecc.
    Lo definirei classico “Alonsolamentismo” (“storico” e ormai insopportabile).

    Per quanto riguarda le mails le tue sono supposizioni non suffragate da prove. Dalle mail chi sguazzava allegramente nei dati Ferrari erano Stepney, DLR, ALO e Coughaln, non HAM, fino a prova del contrario.

    Rispondi
  10. Mi pare molto simile a “non ricordo” di Hill al processo Senna… per fortuna in circostanze meno tragiche. Rimane poco credibile, e per sua fortuna la FIA aveva concesso ai piloti l'”immunità”. Solo che Hamilton vuole rimanere in McLaren e quindi ha assunto una posizione “aziendalista”.

    Rispondi
  11. @Fluored: il mio discorso non verteva sul fatto che fosse o meno la strategia giusta il fare la corsa su Alonso. Contestavo semplicemente i tanti commenti sdegnati che si sono letti sulla stampa italiana, secondo i quali era riprovevole questo fatto perchè significava che la Mclaren correva “contro” il proprio pilota. La cosa invece è fasulla, le strategie prevedevano di marcare Alonso per far finire più in fretta possibile il mondiale, non per recare danno allo spagnolo. Che poi questa strategia si sia rivelata sbagliata è un altro paio di maniche, ma nel pastrocchio di Shangai parecchi in Mcl si sono fatti una sonora dormitina. E mi chiedo cosa avrebbero scritto i media italiani se a rimanere sulle tele fosse stato Alonso anzichè Hamilton…. se tanto mi da tanto, allora perchè non sopettare che la Mclaren abbia voluto favorire lo spagnolo? Non sto dicendo che sia successo questo, anzi la reputo un’idea assurda, ma è assurda almeno quanto i presunti favoritismi che vengono tirati fuori a favore di LH.

    Rispondi
  12. Nel “processo” il nome di HAM non è uscito fuori bisogna farsene una ragione. Se qualcuno avesse avuto qualsiasi cosa in mano (alonso per esempio) la cosa sarebbe sicuramente emersa. Invece nulla…
    Al contrario, _è provato_ che Alonso, da sempre critico dei “mezzucci” Ferrari, non aveva avuto problemi nel “maneggiare” quei dati… Come non ha avuto problemi a ricattare il suo boss per avere “raccomandazioni” speciali…

    Rispondi
  13. Diciamo meglio che non si è voluto andarci a guardare per bene, tanto si sapeva che i piloti l’avrebbero comunque passata liscia. A quel punto Alonso ha tirato fuori quello che sapeva per il suo scopo (andarsene dalla McLaren), mentre Hamilton ha fatto quello che serviva il suo (rimanere alla McLaren).

    Rispondi
  14. “Diciamo meglio che non si è voluto andarci a guardare per bene”

    Parola di Vinci!

    “A quel punto Alonso ha tirato fuori quello che sapeva per il suo scopo (andarsene dalla McLaren), mentre Hamilton ha fatto quello che serviva il suo (rimanere alla McLaren).”

    A quel punto Alonso ha tirato fuori quello che aveva altrimenti rischiava la superlicenza oltre che la possibilità di lottare per il titolo.
    HAM evidentemente non aveva scheletri negli armadi.

    Rispondi
  15. Beh, ovvio che quello che dico è la mia impressione. Io non pretendo di conoscere i dettagli contrattuali, la vita ed i rapporti all’interno delle scuderie in dettaglio, ma d’altra parte se non mi posso fidare al 100% di Alonso e di quello che dice, non vedo perché dovrei fidarmi di Dennis, Hamilton e compagnia. Poi, capisco che adesso che Alonso non serve più per dare addosso a Schumacher, lo si possa tranquillamente “scaricare” nella considerazione a favore dell’astro nascente, che potrebbe garantire 10-15 anni di “io l’avevo detto dalla prima gara che sarebbe diventato un grande o il più grande di tutti i tempi”…

    Rispondi
  16. Schumacher è nominato anche nel testo del post… evidentemente ho punto nel vivo. Alonso andava bene fino a fine 2006, adesso gli tocca lo scomodo ruolo di quello di cui dire male, a beneficio del nuovo campione.

    Rispondi
  17. Vinci, ma l’idea che di un pilota si può parlare sia bene che male, a seconda di quello che combina, non ti sfiora? Perchè se uno ha parlato bene di Alonso quando lo meritava, e adesso ne parla male deve per forza essere un voltagabbana? Possibile che non esista una parola chiamata equilibrio? A me pare che l’atteggiamento di Alonso negli ultimi mesi sia stato abbastanza censurabile, un continuo lamento su presunti favoritismi per Hamilton che poi, alla resa dei conti, io non ho visto da nessuna parte. Alonso è un campione, che però quest’anno ha trovato un personaggio in grado, a parità di macchina, di competere con lui e anche di batterlo. Capisco che per il suo ego sia difficile ammettere questa cosa, ciò non toglie che avrebbe fatto meglio a starsene zitto e tirarsi su le maniche. Alla fine dei conti se alla Mcl avessero per davvero voluto far vincere LH a tutti i costi, pensate che FA alla vigilia dell’ultima gara sarebbe stato ancora lì a soli 4 punti?

    Rispondi
  18. Io non parlerei di favoritismi ma è chiaro che oggi la Mclaren è tutta per Hamilton. Ma anche fosse stato Yamamoto perchè è Alonso che si è alienato le simpatie della squadra per le sue esternazioni continue contro il team, il boss e i danni che ha arrecato. Lo spagnolo IMHO non si aspettava di doversela sudare con un rookie e per questo ha cercato di usare tutta la sua “politica”, a mezzo stampa spagnola, per cercare di riprendere in mano il bandolo della matassa.

    Rispondi
  19. @Vinci:
    “che potrebbe garantire 10-15 anni di “io l’avevo detto dalla prima gara che sarebbe diventato un grande o il più grande di tutti i tempi”…

    Ussignur no … 2 GTT nel nick non li sopporterei ………
    😆 😆 😆 😆

    Rispondi
  20. E invece Vaillant con il suo “Io non parlerei di favoritismi ma è chiaro che oggi la Mclaren è tutta per Hamilton” vince a mani bassi il premio sofista di giornata.
    😆

    Rispondi
  21. La squadra può “parteggiare/tifare” per Hamilton pur dando esattamente lo stesso materiale e chances ad ambedue. Che alla fine vinca il migliore (Raikkonen?)

    Rispondi
  22. Certo che il ns. blog è un mito.
    Passione Motori è il post sul downgrade di Vista totalizza più visite di tutti gli altri messi assieme ………… 😆 😆 😆 😆 😆 😆

    Rispondi
  23. Tu pensa quanta gente disperata c’è in giro.
    Si pigliano Vista e il computer non va avanti…
    Il bello è che ho scritto quel post quasi per scherzo, ha già oltre 10.000 visite e ne colleziona almeno 100 al giorno.
    Complimenti a Microsoft.

    Rispondi
  24. Per Paolino, a dire la verità è proprio Vaillant l’emblema dell’estremismo a fasi alterne. Non so se ricordi come difendeva la Ferrari ad oltranza, per poi essere illuminato sulla via di Damasco e ritrattare trent’anni di storia alla luce delle nuove verità. Si passa poi all’innalzamento del fenomeno Alonso, che insieme alla Renault manda in pensione il vecchio tedesco antisportivo ed inaugura una nuova generazione. Peccato che in 3 mesi anche Alonso diventi daccapo vecchio, maneggione e scorretto, in pista e fuori, perché c’è da fare spazio al nuovo che avanza. Ma con questo ritmo, Hamilton potrebbe diventare emblema del male già nel corso della pausa invernale…

    Rispondi
  25. In effetti me lo ricordo il buon David quando era ferrarista tutto d’un pezzo, ma nella vita si può sempre cambiare idea…. 😉
    Per il resto, non capisco perchè sia censurabile elogiare un pilota oggi e dirne peste e corna domani, se esistono motivi reali per farlo. Anch’io stimavo e stimo tutt’ora Alonso, ma ciò non toglie che le sue lamentele recenti le ritengo (a mio modo di vedere) scorrette e censurabili. Mi si potrà dire che sbaglio nel mio giudizio e che ciò che dice Alonso è tutto sacrosanto, ma credo di ave cmq tutto il diritto di dare giudizi anche opposti su di una setssa persona, a seconda dei suoi comportamenti del momento.
    Poi, che Vaillant a volte si un pò estremista può anche essere vero, però, Vinci, anche tu da questo punto di vista non scherzi 😀

    Rispondi
  26. Ma io non dico nulla se uno passa da un atteggiamento critico/positivo ad uno critico/negativo, ossia cambi il giudizio partendo dal principio di svolgere una critica (meglio se argomentata). O meglio, in tal caso discuto sulle argomentazioni.
    Il “problema” è quando uno passa da un estremismo all’altro, ossia passa da positivo a negativo il giudizio, cambiando in pochi giorni/ore parere da “santo subito, anzi è già tardi” a “è da 100 anni l’incarnazione del male nello sport ed anche fuori non è che sia molto simpatico”.

    Rispondi
  27. Nella vita si può sempre cambiare idea però io “Ferrarista” non lo sono mai stato. Sono stato “schumacheriano” (oggi “pentito”) specie in tempi in cui non era di “moda” esserlo. Una serie di fatti nuovi mi hanno spinto, alla fine, ad aprire gli occhi (posso dire oggi, con “colpevole” ritardo) e riconsiderare anche fatti precedenti.
    Per quanto riguarda Alonso devo dire che lo stimavo molto ma sono rimasto deluso dopo aver letto il contenuto delle e-mails. Mi ricordavo, e l’ho conosciuto personalmente, per il suo IMHO giusto essere “ferocemente” critico dei “mezzucci” Ferrari per poi non farsi problemi nel maneggiare dati non “suoi”… Mi è scaduto molto. Queste sue lamentele oggi, di boicottaggi ecc. ormai le ricollego a quelle che faceva anche contro la Renault nel 2006… Insomma il personaggio Alonso credo di averlo inquadrato, (nuovamente con ritardo), come uno che si lamenta sempre di tutto e di tutti per il proprio tornaconto personale. Mi sembra sempre di più un bambino che frigna quando le cose non girano come vorrebbe lui. Questa la mia personale opinione su l’Alonso-uomo oggi, come pilota tuttavia lo ritengo fenomenale e degno di massima ammirazione. Spero anche che avrò modo di rivalutare l’Alonso Uomo se me ne darà l’occasione. In fondo il ragazzo mi è simpatico, forse è lo stress che gli gioca dei brutti scherzi. Ad inizio anno tenevo per Fernando, oggi mi è indifferente, che vinca il migliore e spero in un GP del Brasile che consacri degnamente il campione 2007

    Rispondi
  28. Le idee si possono legittimanente cambiare, anche radicalmente, specie in presenza di fatti nuovi. Questi, possono anche far riconsiderare il giudizio retroattivamente. IMHO il rimanere sulle stesse posizioni “a prescindere” , pur essendo leggittimo, non è sempre salutare poichè è una posizione “acritica”.

    Rispondi
  29. Beh, dopo aver toppato due fuoriclasse di seguito, io mi metterei avanti con il lavoro e passerei direttamente a catalogare anche Hamilton come “cattivo” senza aspettare che passi qualche anno… :-)))

    Rispondi
  30. @Paolino: non era riprovevole, è semplicemente una cazzata; la McLaren doveva preoccuparsi di far fare almeno 4 punti ad Hamilton in Cina, a questo punto sarebbe certa che un suo pilota diventerebbe campione;

    su Alonso: è vero, è un lamentino, né più e ne meno di tanti del passato (leggasi AS di questa settimana, Prost, Piquet); ciò non toglie che sia un grande pilota;

    sul nome di Hamilton che non è uscito: è quasi sintomo, e lo dico da simpatizzante, di bamboccite, come direbbe il Padoa Schioppa;

    su Vaillant: benedico e santifico la sua abiura su Schumacher, capisco meno le forti critiche ad Alonso (ricordo un post sul Gp di Monaco di GP2 passato a mangiare panini al salame insieme, ricordo male?);

    @paolino: pienamente d’accordo sul poter parlare sia bene che male di un pilota, a seconda delle circostanze, eccheccazzo

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...