Visto che nessuno ne ha parlato…

La saga di “come odiare Lewis Hamilton” potrebbe in teoria arricchirsi di un’altra chicca. O almeno, l’atteggiamento del campioncino britannico continua ad essere come minimo indisponente, almeno per quanto mi riguarda.

Parlo ovviamente della sua uscita sulla partecipazione alla GPDA. Ora, non si discute che abbia tutto il diritto di associarsi o meno ad essa, anche se lo status di stella di prima grandezza porta ad una sorta di “obbligo morale” su alcune cose in tutti i settori della vita. Ma altri che avevano fatto la stessa scelta, ad esempio Jacques Villeneuve, almeno avevano avuto il coraggio di dire come la pensavano. JVi mi pare che avesse detto (libero adattamento): “Non entro nella GPDA perché non credo che la sua attività abbia un reale effetto per le cause che porta avanti”. Si può concordare o meno, ma è una posizione chiara. La “scusa” di Lewis sa molto di volersene lavare le mani senza prendere una posizione attaccabile: “Non ho abbastanza tempo”, alias “mi piacerebbe tanto, vorrei venirci, ma proprio non ce la faccio, ma non è colpa mia”.

Al che, la risposta di Webber: “Guarda che si tratta di 20 minuti ogni due settimane”… dal che si deduce che Lewis è davvero impegnato ogni minuto della sua giornata, nel senso letterale del termine. Oppure, spero per lui che sia un altro consiglio sbagliato dato dal padre-manager, cosa che non stupirebbe non essendo la prima volta. Se anche Stewart ha detto a chiare lettere che non si dovrebbe comportare così, vuol dire proprio che ne ha pestata un’altra, per quanto sia passata sotto silenzio.

Annunci

14 pensieri su “Visto che nessuno ne ha parlato…

  1. anche se lo status di stella di prima grandezza porta ad una sorta di “obbligo morale” [cut]

    beh, se il campione in carica (più stella di prima grandezza di così..) dice Q. The GPDA directors have said they are making a push to try and get you and Lewis into the organisation. Do you have any interest in joining them?
    KR: I don’t know.

    mi sembra un giusto pretesto per iniziare un altro “bashing thread” contro Lewis Hamilton…

    Rispondi
  2. Ecco, il “cut” è piuttosto “furbo” proprio perché taglia il fatto che non ne facevo tanto una questione di merito, ma di metodo. Alias, ha inventato una scusa pietosa perché vuole mantenere la sua aria di “bravo ragazzo”, e quindi non può dire che non entra nella GPDA perché non ci crede, o non gliene frega nulla.
    Almeno KR ha risposto “non lo so”, che peraltro è la sua risposta più frequente.

    Rispondi
  3. anche “non lo so” vuol dire che o non ci crede o non gliene frega nulla della GPDA. Però per il CdM va bene per HAM meno vedo…

    Rispondi
  4. Vabbé, la prossima volta cospargo di faccine così si capisce bene… comunque vallo a dire a Stewart, che ha consigliato a Hamilton di fare diversamente, e a Webber che ha fatto notare che il tempo impiegato non è poi così tanto.

    Rispondi
  5. nei hai fatto una questione morale per le stelle di prima grandezza, dimenticando RAI, vabbeh una svista…
    Poi, HAM ha risposto “da bravo ragazzo”, con una scusa, e RAI con un altra scusa.

    Rispondi
  6. Il fatto che Hamilton si sia attirato una certa antipatia da parte di persone che non avrebbero nessun motivo per farlo, forse un motivo ce l’ha… Raikkonen risponde a tutti alla stessa maniera, non cerca di farsi voler bene da tutti…

    Rispondi
  7. E Il fatto che RAI risponda a tutti alla stessa maniera potrebbe lasciare intendere una certa supponenza/strafottenza e dare altrettanto fastidio.
    Il fatto è che se ne fai una questione morale per le stelle di prima grandezza ad impegnarsi nella GPDA avresti perlomeno dovuto “segnalere” oltre HAM, il CdM RAI.

    Rispondi
  8. Forse ti è sfuggito il punto del mio post: non è tanto il fatto o meno che partecipi alla GPDA, altri non lo hanno fatto e non lo fanno. Il punto centrale è che la scusa addotta per non prendervi parte è risibile e sa molto di voler salvare le apparenze per non prendere una posizione “impopolare”.

    Rispondi
  9. ah, adesso non è tanto il fatto o meno che partecipi quando sei tu che hai parlato di obbligo morale…(naturalmente solo per HAM dimenticando RAI)
    e poi se parliamo di motivazioni è una bella gara a motivazioni risibili tra RAI e HAM… tra “I’dont know” e “ho da fare”…

    Rispondi
  10. Ho capito che se ti si tocca il “cocco” Hamilton trovi qualsiasi motivazione, per quanto pretestuosa, per difenderlo… però ammetterai che, se pure io possa essere prevenuto nei suoi confronti, Stewart non ha alcun motivo di criticarlo se non ce ne fosse motivo, come invece ha fatto, e Webber ha sbugiardato lui proprio per la ridicola scusa che ha trovato. Insomma, ci sono anche voci più autorevoli della mia in materia, anche se in questi giorni di certo non è l’argomento che tiene banco in tema di F.1.

    Rispondi
  11. è proprio il contrario: è evidente che si vuole trovare qualsiasi motivazione, per quanto pretestuosa, pur di attaccare Hamilton… altrimenti, volendo essere obiettivi e imparziali, avresti “criticato” sia HAM che RAI per la questione invece no, l’obbligo morale è solo per HAM (ambedue hanno detto no)e la motivazione è ridicola solo per HAM (“I’dont know” e “ho da fare”)… Vedi un po’ tu…

    Rispondi
  12. E’ inutile che continui a nominare Stewart e Webber, sono perfettamente d’ accordo con loro (io) (dovrebbe iscriversi – solo 20 minuti di tempo), il problema (tuo) è che tutto ciò è perfettamente, simmetricamente valabile anche per RAI, anzi di più, se proprio dobbiamo parlare di obblighi morali e risposte risibili, in quanto è il Campione del Mondo e non sarebbe male se desse lui l’ esempio. Di tutto ciò nel tuo molto equilibrato e imparziale post nessuna traccia naturalmente.

    Rispondi
  13. Io non ho avuto nessuna pretesa di imparzialità. Se noti la prima frase ho scritto: “La saga di “come odiare Lewis Hamilton” potrebbe in teoria arricchirsi di un’altra chicca. O almeno, l’atteggiamento del campioncino britannico continua ad essere come minimo indisponente, almeno per quanto mi riguarda.”

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...