Ma sì, riapriamo i giochi!

La FIA ha affibbiato a Lewis Hamilton una penalità di 25 secondi per “condotta irregolare“. L’episodio è quello relativo all’attacco di Hamilton ai danni di Kimi alla Bus Stop a poco più di due giri dalla fine. Si accusa Hamilton di aver restituito la posizione ma, nel contempo, di essersi rimesso in scia per sorpassarlo alla curva seguente.
Il verdetto di Spa, quindi, cambia. E già che c’erano, i giudici hanno tolto il punticino dell’ottavo posto a Glock, reo di aver sorpassato Webber in regime di bandiere gialle (e infatti era all’ultimo giro, dopo l’incidente di Räikkönen). E quindi Webber balza davanti allo stesso Glock in classifica, portandogli via l’ottavo posto.
L’ordine d’arrivo è quindi Massa, Heidfeld, Hamilton. Poi gli invariati Alonso, Vettel, Kubica e Bourdais. E Webber ottavo.
Cambia quindi la classifica, con Massa a soli 2 punti in classifica da Hamilton (76 a 74) ed Heidfeld passa a 49 punti.
Nel costruttori, la Ferrari incrementa il vantaggio: 131 punti contro 119.
Fin qui i fatti.
Il problema è che, a questo punto, se il vincitore del campionato non avrà almeno 8-10 punti di vantaggio sul secondo a fine stagione, ci troveremo alle prese con sempiterne polemiche in perfetto stile “complottista“, sul fatto che la FIA abbia favorito qualcuno o fatto un torto ad altri. E questo rischia sempre di più di distruggere questo “sport”.
Inoltre, questa decisione crea comunque un precedente. Che minaccia di rivoltarsi contro chi, “movimentando” le cose, spera di ravvivare il campionato. Infatti, se un pilota corre il rischio di una penalizzazione, nel caso dovesse tagliare una chicane per superare, dopo questa decisione avrà ancora meno stimoli per sorpassare. E quindi potremmo andare incontro a gare monotone tipo Valencia, in cui l’ordine d’arrivo è la griglia di partenza. Speriamo proprio di no!
A Monza la prima delle sentenze di questi sgoccioli di campionato.

Annunci

6 pensieri su “Ma sì, riapriamo i giochi!

  1. Avevo altro da fare e non ho visto la gara. Un po’ tutto sommato mi dispiaceva. Ora ho cambiato idea e applaudo (da me) la mia decisione di non occuparmi di F1 almeno per tutto quest’anno.

    Rispondi
  2. In verità ho trovato la manovra di Hamilton al limite della correttezza, per lo meno sportiva. Forse la sanzione un po’ forte…
    vabbé… è successo a Hamilton, alla fine della fiera chissene frega!
    Pensate forse che – a parti invertite – qualcuno in UK si preoccuperebbe del fatto?
    della serie: “cavalleria sportiva per cavalleria sportiva” 😉

    Rispondi
  3. @ Vittorio: secondo me, se al primo giro del GP d’Italia (prossimo GP), vedremo una bella processioncina alla prima variante o alla variante della Roggia, avremo già bell’e fatto il patatrac: e addio sorpassi!
    Speriamo di no, però un bel passo l’abbiamo fatto, con questa “decisione”.
    Le virgolette sono d’obbligo, perché il verdetto di Spa è ancora sub judice, in quanto è pendente un ricorso McLaren, che (ma tu guarda il caso! 😉 ) verrà esaminato dopo Monza…

    Rispondi
  4. e cosa dovrebbero fare ? ma si passiamo alla “azzo” freghiamocene dei regolamenti e prendiamo le scie tagliando mezza pista. un regolamento ci vuole. la fai sporca paghi punto. a me pare molto giusto.

    Rispondi
  5. @LuNa:
    D’accordo, il regolamento è lì da sempre, ed è giusto che venga applicato. Il guaio, e ne parlo nel pezzo, è che il regolamento viene applicato alla “azzo”, come dici tu, e solo quando (può) vivacizza(re) il campionato. E’ questo che non è giusto.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...