Il monopoli, la Formula 1 e le medaglie

Un paio di riflessioni sulle decisioni odierne del WMSC.

La prima, ad effetto immediato, è la norma secondo cui il vincitore del mondiale sarà il pilota con il maggior numero di vittorie. Il sistema a punti rimane, invariato, ma serve solo in caso di parità di vittorie e per stabilire le posizioni dalla seconda in giù (*).

Francamente non ne sentivo la necessità, visto che i mondiali fino ad ora non mi sembra siano stati stravolti dai “piloti formichina” a discapito dei più vincenti, salvo rari casi.

Evidentemente la vittoria di Hamilton l’anno scorso è stata sul gozzo a molti (e mi chiedo il perchè), visto che è il caso più eclatante di mondiale assegnato al pilota con meno vittorie.
Certo, non tutti ricordano le decisioni FIA che hanno favorito spudoratamente Massa. Rimane quindi il dubbio sull’opportunità della scelta, visto che, in linea teorica, se uno si vince le prime otto gare, poi va in spiaggia a guardare in TV gli altri che si giocano il secondo posto.

La seconda decisione è l’introduzione “Mosleyana” del budget cap, ossia la possibilità per i team di scegliere: spendere quanto vogliono e sottostare a norme regolamentari severe, oppure accettare di spendere solo 30 milioni di sterline ed avere più libertà di movimento sui motori, su alcuni componenti del telaio (fondo) ed addirittura beneficiare di vantaggi quali ali mobili.
In pratica i team sotto budget cap giocheranno ad una sorta di monopoli, spendendo nei vari settori di gestione del team, con la FIA che da un lato gli alita sul collo per controllare i conti e dall’altro gli fa dei regalini perchè spendono poco. 

L’idea, mutuata dagli sport americani, non è male in sè, perchè i costi avevano raggiunto livelli assurdi; bisognerà vedere come verrà implementata, ma il fatto che ci possa essere una scelta, con la FIA che interviene per bilanciare eventuali vantaggi dati ai team che percorrono la strada del budget cap, rende la cosa poco credibile e puzza tanto di NASCAR, parola che gli appassionati di Formula 1 aborriscono, da sempre.

(*) Alla fine Ecclestone ha vinto. La FOTA si è mascherata dietro a ricerche di mercato ed analisi “secondo cui il pubblico bla bla bla”, ma questa soluzione, di fatto, è il sistema medagliesco proposto dal vecchio nanerottolo.

Annunci

5 pensieri su “Il monopoli, la Formula 1 e le medaglie

  1. Possiamo definitivamente derubricare la F1 dagli “sport”. Infatti l’ingerenza della FIA nel livellare “la media dei risultati dei team sotto budget cap” alla “media dei risultati dei team liberi di spendere” si presta a tanti e tali soprusi che già mi stanno montando i conati di vomito.

    L’idea di livellare le risorse non è peregrina ma bisogna avere l’autorità morale per farlo. E la FIA attualmente non ce l’ha.

    Rispondi
  2. L’idea di fare la classifica in base al numero di vittorie, poi di secondi posti e via dicendo non è nemmeno nuovissima. Ed in questo caso in realtà non è nemmeno implementata completamente, perché le vittorie sono “decisive” per assegnare il titolo, ma in caso di parità oppure per le posizioni in classifica, continua ad esistere la classifica a punti. Insomma, un pastrocchio che non è nè carne nè pesce…

    Secondo me poteva essere più intelligente mantenere il punteggio, aumentando di nuovo il divario fra primo e “tutti gli altri”. D’altra parte, proprio nel 2003, quando venne usato per la prima volta il sistema di punteggio 10-8-… (che aveva l’obbiettivo di impedire la vittoria del titolo a luglio), arrivarono all’ultima gara a giocarsi il titolo due piloti che avevano se non ricordo male 6 e 1 vittoria a testa : in quel caso il titolo sarebbe già stato assegnato da tempo, quindi all’epoca il sistema fece il suo “lavoro” (un po’ come il “porcellum” di Calderoli, tutti ammettono che fa schifo, ma il risultato poi è quello sperato).

    L’idea di due diversi regolamenti tecnici, basati sul budget, è un assurdo, nel senso che è proprio sbagliato avere due diversi regolamenti tecnici, per di più soggetti ad un criterio di separazione che presta il fianco ad interpretazioni, recriminazioni, reclami… chissà se le spese per studi legali rientrano anche quelle nel budget cap… 🙂

    Rispondi
  3. Si ma come il Porcellum ha controindicazioni ferali per la democrazia (liste decise da due persone), così questo metodo ha altrettante ricadute negative, sopratutto sulla storia e sulla credibilità della F1 IMHO

    Rispondi
  4. Non è detto che chi ha concepito tali sconcezze sia preoccupato, chi per la democrazia, chi per la storia della F.1. Per la credibilità, purtroppo ci lavorano da anni.

    Rispondi
  5. Mi pare che l’attuale sistema ricalchi (male) la proposta di qualche tempo fa di Lauda (Stewart?) di dare i punteggi “decimali” mettendo in fila vittorie, secondi posti, terzi e cosi’ via (un pilota che avesse collezionato 3 vittorie, 2 secondi posti, un quarto e un ottavo avrebbe avuto un punteggio simile: 32010001).
    Coll’indubio vantaggio che il numero di vittorie (il discriminante) puo’ essere molto piu’ facilmente “aggiustato” da interventi (come penalita’ in griglia e ingressi di SC) che non devono nemmeno essere difese da appelli quando fanno riferimento a regole inesistenti (vedi Spa 2008).

    Visto che l’andazzo generale anche quest’anno sara’ quello di decidere il mondiale all’ultima gara (magari con quattro piloti a giocarsi il titolo) quanto di meglio che questo genere di punteggio?

    Anni fa ricordo Dario Fo portare il suo spettacolo (miracolosamente, davvero, adesso sarebbe impensabile sulla “televisione di stato”) su raidue e ricordo a malapena la sigla iniziale che recitava “…sono arrivati i re dei ciarlatani, i veri guitti sopra i carrozzoni….”.
    : ))

    m

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...