GP Abu Dhabi 2010, la cronaca essenziale (Qualifiche)

La seconda edizione delle qualifiche di Yas Marina ci ha riservato una bella serie di emozioni.Nelle prime libere del venerdì la Red Bull-Renault di Vettel è stata davanti ad Hamilton e Webber.
Le seconde libere del venerdì hanno visto Hamilton prendersi almeno la soddisfazione di battere Vettel, Alonso e Webber (in quest’ordine).
Nelle terze libere Vettel e Webber hanno mostrato un gran passo, lasciando Hamilton a quasi 6/10 ed Alonso a quasi 8/10.
Il gommista, per questo ultimo appuntamento, ha portato gomme medie e super-morbide (salto di una sola mescola).

In Q1 un po’ di battaglia, con i tempi che si abbassano a ripetizione. Alonso e Rosberg davanti a tutti, ma si tratta di soli due decimi, per Fernando.
Eliminati in Q1: la Toro Rosso di Buemi (18°), le Team Lotus di Trulli (19°) e Kovalainen (20°), le Virgin con Glock (21°) e Di Grassi (22°). Chiudono lo schieramento, al solito le due HRT-Cosworth di Senna (23°) che è ancora davanti a Klien (24° ed ultimo).

Nei 15′ della Q2, Ferrari fuori allo spegnimento del semaforo, con Massa davanti a Fernando. Gomme dure per loro. Come per Button, che fa subito il miglior tempo. Red Bull subito fuori con le gomme morbide. Un solo run per loro, ma con più giri. Hamilton se la prende un po’ comoda, uscendo con le morbide a 4′ dalla fine, ma ottiene un discreto quinto tempo. Stupisce il terzo tempo di Rosberg ottenuto con gomme dure.
Non superano la Q2: per la prima (ed unica) volta la Renault di Robert Kubica (11°), le due Sauber-Ferrari di Kamui Kobayashi (12°) e Nick Heidfeld (14°), le Force India di Sutil (13°) e Liuzzi (16°). Poi troviamo la Williams-Cosworth di Nico Hulkenberg (15°, come è lontana la pole di Interlagos…), e la Toro Rosso di Alguersuari (17°).

In Q3 abbiamo due set di morbide per tutti. Ci furono solo 4 sorpassi nella gara del 2009, quindi si intuisce quale sia il carico di aspettative sui quattro piloti che si giocano (ancora) il Mondiale.
Barrichello, le McLaren e le Ferrari vanno subito in pista. Poi arriva Schumacher. Vettel e Petrov escono per ultimi. Button fa il miglior tempo, poi Hamilton e le due Ferrari. Ma Vettel “spara” subito il “tempone”: 1’39″394! Webber, quarto fino a quel momento, fa un errore che si ricorderà a lungo: prende la bandiera a scacchi, e non può fare un ultimo giro decisivo. Button, in quel giro, sale al quarto posto e gli passa tranquillamente avanti, mentre Alonso ha già messo al sicuro un ottimo terzo posto.
Quindicesima pole della Red Bull-Renault quest’anno, record eguagliato. Particolare curioso: se questo fosse l’ordine d’arrivo, Alonso vincerebbe il titolo di 5 punti, 261 a 256: 5 dei 7 punti che Massa gli ha regalato ad Hockenheim!!! OOPS…

Ecco i tempi dei 10 piloti dell’ultima sessione:

Pilota      Tempo
1.  Vettel      1:39.394
2.  Hamilton    1:39.425
3.  Alonso    1:39.792
4.  Button     1:39.823
5.  Webber    1:39.925
6.  Massa    1:40.202
7.  Barrichello 1:40.203
8.  Schumacher    1:40.516
9.  Rosberg    1:40.589
10. Petrov    1:40.901

A domani, con la cronaca della gara!
Ci si rilegge su queste pagine!

Annunci

Un pensiero su “GP Abu Dhabi 2010, la cronaca essenziale (Qualifiche)

  1. Pingback: GP Abu Dhabi 2010, la cronaca essenziale « Passione Motori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...