GP Italia 2011, la cronaca essenziale

Abbiamo trattato le qualifiche di Monza in questo link.

Sulla griglia di partenza, si segnala che Vettel utilizza una settima marcia un po’ più corta dei concorrenti: questo gli darà più accelerazione, ma gli toglierà velocità di punta, rendendolo vulnerabile nei punti con il DRS.
Il gommista ha portato gomme morbide (giallo) e medie (bianco-argento). A parte Rosberg e Senna, tutti i primi 10 piloti partono con le gomme morbide. Gara piuttosto breve: 53 giri, circuito di 5.793 m. Previste due soste. Neanche immaginabile la pioggia.
Il DRS è attivabile in due punti: tra la seconda di Lesmo e la variante Ascari, e il secondo sul rettilineo principale.

Allo spegnersi del semaforo, Alonso “l’azzecca”, e si piazza davanti a Vettel ed Hamilton, ma c’è un bel casino nelle retrovie: Vitantonio Liuzzi mette due gomme sull’erba, perde il controllo della sua HRT e fa fuori Petrov. E’ safety car. Out anche Rosberg, peccato.
Kobayashi, Barrichello e d’Ambrosio ai box, Bruno Senna mette subito le morbide (mossa furba, avendo risparmiato un set di gomme morbide, la sua gara sarà di qui in poi solo su queste mescole). D’Ambrosio e Ricciardo si ritirano.
Al quarto giro si riparte, con Alonso che viene minacciato da Vettel, e Schumacher che passa Hamilton ed è terzo. Vuoi vedere che il vecchietto ci sta di nuovo provando gusto?
Al quinto passaggio contatto tra Webber e Massa alla prima variante, con l’australiano che fa fuori il musetto, e Massa che precipita, dopo un testacoda, in decima posizione. Tornando ai box, i pezzi di muso si incastrano sotto il fondo della sua RBR ed l’australiano si “spalma” alla Parabolica! Ritiro inevitabile per lui. Il DRS viene abilitato solo dal sesto giro (i primi son stati di safety car).
Hamilton cerca disperatamente di mettersi dietro Schumi, ma la Mercedes sembra essere troppo veloce. Nel frattempo (7° giro) Massa supera Paul di Resta ed è 8°. Nel frattempo Vettel fugge, ed al nono giro ha già più di 4″ su Alonso. Massa passa pure Maldonado al 10° giro. Sutil si ritira un giro dopo. Al 13° giro, battaglia alla prima variante tra Hamilton e Schumi: Lewis sembra passare, ma Schumi non molla e rende il sorpasso prima della Roggia. E Button si avvicina alla coppia in lotta…
Altro giro più veloce per Vettel, nel frattempo. Schumacher sta rompendo le uova nel paniere alle McLaren: chissà che soddisfazioni… Massa viene pure avvisato della battaglia per il terzo posto, chissà che non ce la faccia a raggiungere il terzetto.
Zitto zitto, il buon Jenson passa Hamilton al 16° giro, approfittando di un’escursioncina sull’erba dopo l’ennesimo tentativo di passare Schumi. Jenson si beve anche Michael nello stesso giro. Entrambi fanno un salto ai box a mettere le morbide. Hamilton resta in pista, e va ai box al 19° giro. Rientra al sesto posto, subito dopo esser stato passato da Schumacher (frustrante!) alla prima variante. Nelle retrovie Alguersuari ha passato Perez e Maldonado ed è settimo. Alonso effettua la sua prima sosta al 20° passaggio. Rientra al terzo posto. Il giro dopo è la volta di Vettel. Che rientra in testa.
Hamilton ha il fumo nero che esce dal casco, quando si lamenta che Schumacher ha fatto due cambi di traiettoria per bloccarlo, al 21° giro. Eccesso di frustrazione? Massa va ai box al 22° giro, e Button fa segnare il giro più veloce. Finalmente Liuzzi viene messo sotto indagine per il patatrac del via.
Anche Vettel migliora il giro più veloce, mentre a Schumi viene detto di lasciar spazio anche per Hamilton alla Ascari. MAH! Fra un po’ ditegli “fallo passare”! Comunque Schumi sta lottando anche contro le sue gomme, e questo potrebbe rallentare ulteriormente anche Hamilton. Button, nel frattempo, si avvicina ad Alonso, evidentemente fuori ritmo. Buemi passa Maldonado ed è decimo.
Hamilton passa Schumi (alla Ascari, guarda un po’) al 28° giro, dopo ulteriore segnalazione da parte di Ross Brawn. Alonso deve difendersi da Button al giro dopo. Senna passa Maldonado ed è 11°, mentre Alguersuari passa di Resta ed è 8°: tutto nel 31° passaggio. Al 34° giro Button e Barrichello quasi si incastrano nell’entrare ai box. Nessun danno comunque.
Perez si ritira al 35° passaggio, ed Alonso ed Hamilton vanno ai box per mettere le medie. Vettel il giro dopo fa la stessa manovra. Button passa Alonso al 36° passaggio, ed il ferrarista può farci poco: al solito la Rossa con le medie non va. Schumi va ai box al 38° giro (era secondo) e mette le medie. Rientra sesto, stavolta dietro ad Hamilton. Alonso cerca di accorciare il gap che lo separa da Button.
Piccolo errore di Buemi all’inizio del 41° giro, giusto mentre Hamilton fa il giro più veloce della corsa. Massa ai box il passaggio successivo, assieme ad Alguersuari (bella gara: partiva 18°). Hamilton continua a mettere pressione ad Alonso: 5″2 al 46° giro è il loro distacco. Senna (con le morbide) cerca di conquistare il nono posto ai danni di Buemi (con le dure). Lo passa al 48° giro.
Hamilton cerca di avvicinarsi ad Alonso (altro giro più veloce), ma è fatica sprecata. Stesso dicasi per Bruno Senna con Paul di Resta.

Così all’arrivo: Sebastian Vettel vince davanti a Jenson Button; sul podio anche Fernando Alonso. Quarto Lewis Hamilton, quinto Schumacher, davanti a Felipe Massa, poi Alguersuari, di Resta, Senna e Buemi. Primi punti mondiali per Bruno Senna.

Giro più veloce: il 52° di Hamilton, con 1’26″187.

Classifica piloti: Vettel prosegue la sua cavalcata trionfale con 284 punti, Alonso è secondo ma con 172; Mark Webber (fermo a 167) si fa raggiungere al terzo posto da Button (167 anche lui). Quinto Hamilton, con 158; poi Massa (82), Rosberg (56), Schumacher (che si avvicina a 52), Heidfeld e Petrov (34).

Mondiale costruttori: Red Bull 451 punti, McLaren 325, Ferrari 254. Mercedes (108) quarta davanti alla Renault (70). La Force India (36) scavalca la Sauber (35), Toro Rosso (29), chiude la Williams (5 punti).

Prossimo appuntamento con la F.1 a Singapore per l’omonimo GP, il 25 settembre.

Ci rileggiamo su queste pagine!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...