Gp Australia 2016, la cronaca essenziale

Tempo di ripassi: con un GP al giorno si arriva a fine gennaio…

Il weekend di Melbourne parte malissimo: il nuovo format delle qualifiche si rivela fallimentare. Invece di garantire suspense, gli intervalli di eliminazione fanno sì che i piloti per lo più attendano ai box la loro sorte. È un disastro mediatico immane: gli ultimi 4 minuti delle qualifiche si svolgono senza vetture in pista e, dal sabato alla domenica, si convoca un meeting d’emergenza tra le “teste pensanti” della F.1: decidono per il ritorno immediato al vecchio sistema.

Le suddette qualifiche sono piuttosto prevedibili, con Hamilton davanti a Rosberg; dietro a loro le due Ferrari: uno specchio delle prestazioni viste nei test, al netto della pretattica Mercedes, che a Barcellona aveva girato quasi sempre con le durissime mescole “Medium”.

Allo spegnimento dei semafori, gran partenza delle due Ferrari: dalla seconda fila sopravanzano le due Mercedes per portarsi in testa. Rosberg, per difendersi, è lungo alla prima staccata e allarga, costringendo Hamilton a perdere ulteriori posizioni. Alla fine del primo giro il campione del mondo è solo sesto.

Le due Ferrari provano a fare le lepri, montando alla prima sosta le gomme più morbide a disposizione (Super Soft), mentre in Mercedes, per recuperare, optano per le Medium ed una strategia senza altre soste.

Dopo sedici giri Alonso si tocca con Gutierrez, decolla e capotta più volte, prima di ricadere capovolto: il pilota è illeso, ma pezzi della sua McLaren sono sparsi per tutta la curva 3 e la gara viene interrotta. Nell’occasione, Rosberg riesce a saltare Raikkonen ai box, trovandosi in seconda posizione, mentre Hamilton scivola ancora più indietro: settimo.

Alla ripresa, Vettel prova a riprendere la fuga a suon di giri veloci, ma Rosberg -nonostante la mescola più dura- non fatica a tenere il ritmo della Ferrari, che perde la leadership al momento della terza sosta, al 35° giro. Ancora una sosta, quella di Ricciardo (secondo in quel momento), e si ricompone la doppietta Mercedes.

Le due frecce d’argento sono irraggiungibili, nonostante le mescole più dure e più usurate della concorrenza: Vettel con le soft riesce a portarsi alle spalle di Hamilton nel finale, ma nell’attaccarlo a due giri dalla fine, finisce lungo, lasciando ad Hamilton un tranquillo secondo posto.

Si lascia Melbourne con la consapevolezza del potenziale enorme di Mercedes: la Ferrari è veloce, ma per stare davanti ha dovuto utilizzare una strategia suicida che ne ridimensiona non poco il valore assoluto.

Cla   N°   Pilota   Vettura / Motore   Giri   Tempo   Distacco/Ritiro 
1 6  Nico Rosberg Mercedes 57 1:48’15.565
2 44  Lewis Hamilton Mercedes 57 1:48’23.625 8.060
3 5  Sebastian Vettel Ferrari 57 1:48’25.208 9.643
4 3  Daniel Ricciardo Red Bull/TAG Heuer 57 1:48’39.895 24.330
5 19  Felipe Massa Williams/Mercedes 57 1:49’14.544 58.979
6 8  Romain Grosjean Haas/Ferrari 57 1:49’27.646 1’12.081
7 27  Nico Hülkenberg Force India/Mercedes 57 1:49’29.764 1’14.199
8 77  Valtteri Bottas Williams/Mercedes 57 1:49’30.718 1’15.153
9 55  Carlos Sainz Toro Rosso/Ferrari 57 1:49’31.245 1’15.680
10 33  Max Verstappen Toro Rosso/Ferrari 57 1:49’32.398 1’16.833
11 30  Jolyon Palmer Renault 57 1:49’38.964 1’23.399
12 20  Kevin Magnussen Renault 57 1:49’41.171 1’25.606
13 11  Sergio Pérez Force India/Mercedes 57 1:49’47.264 1’31.699
14 22  Jenson Button McLaren/Honda 56 1:48’17.218 1 Giro
15 12  Felipe Nasr Sauber/Ferrari 56 1:48’25.682 1 Giro
16 94  Pascal Wehrlein Manor/Mercedes 56 1:49’45.154 1 Giro
(16) 9  Marcus Ericsson Sauber/Ferrari 38 1:20’45.837 Pneumatico
(3) 7  Kimi Räikkönen Ferrari 21 53’19.744 Fuoco
(18) 88  Rio Haryanto Manor/Mercedes 17 28’10.008 Trasmissione
(12) 21  E.Gutiérrez Haas/Ferrari 16 25’38.752 Incidente
(13) 14  Fernando Alonso McLaren/Honda 16 25’39.324 Incidente
26  Daniil Kvyat Red Bull/TAG Heuer 0 Non partito
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...