Bilancio dei primi test di Barcellona

Tempo di bilanci per il primo round di test effettuati a Barcellona: oggi si testa sul bagnato, quindi conta ben poco.

Proviamo a tracciare una sintesi, senza guardare (troppo) i tempi.

Mercedes: sicuri e spavaldi, soprattutto stando alle parole di Hamilton “non vedo nessuno in grado di batterci”. Inanellano giri su giri e fanno registrare buoni tempi. Non sono sornioni come l’anno scorso, quando giravano solo con mescole extra-dure (del resto con il cambio regolamentare non era pensabile), ma sono partiti bene.

Red Bull: lavori in corso. Non si sono mai fatti notare più di tanto; qualche guaio meccanico, ma se vogliono contrastare la Mercedes, devono rischiare dal punto di vista della Power Unit, è chiaro.

Ferrari: guardinghi e veloci. Ha stupito la decisione del mini-silenzio stampa imposto ai piloti fino al secondo giorno di test. Evidentemente hanno capito che, soprattutto l’anno scorso, parlavano troppo. Si ricordano ancora i proclami invernali sugli obiettivi “mondiali”, salvo poi ritrovarsi senza nemmeno una vittoria a fine campionato.
Hanno fatto segnare buoni tempi: di sicuro un inizio migliore rispetto al 2016 e, se non altro, sembrano messi meglio della Red Bull, il primo avversario da battere quest’anno.

Il centro gruppo lo tralasciamo, per concentrarci sui due team più sventurati in questa prima settimana a Barcellona.

La Williams ha pagato il prezzo del rookie, Stroll: due ali rotte, mancanza di ricambi, e tutti a casa.

La McLaren/Honda: obbligatorio citare il motorista, che, ancora una volta, sembra essere la croce per il team di Woking. La prima impressione è che abbiano fatto un altro passo indietro: i giapponesi, dopo aver annunciato un motore rivoluzionato, si sono subito ritrovati a chiedere scusa, perché si rompeva troppo. L’ennesimo disastro è dietro l’angolo.
Di sicuro, non potevano/possono limitarsi ad un altro anno da centro-fondo gruppo, quindi era il caso di rischiare. Ed hanno rischiato pure con la livrea, che non è piaciuta a tutti…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...